Rocca Sbarua – Via Gervasutti

Rocca Sbarua - Via Gervasutti

La Via Gervasutti alla Rocca Sbarua nel suo piccolo rispecchia tutte le caratteristiche del grande maestro, un’arrampicata rude e granitica che ricorda le fessure del Monte Bianco.

Massimo sulla "Dulfer"

Zona: Pinerolo, Val Lemina, Talucco

Quota di partenza (m s.l.m.): 1050 m attacco della via

Quota di vetta (m s.l.m.): 1200 m

Apritori: prima salita nel 1937, Giusto Gervasutti e Renzo Ronco

Sviluppo arrampicata: 150 m

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: sud-ovest

Protezioni: fix, chiodi tradizionali 

Difficoltà: V+, V, obbl. 

Note: grande classica, terreno con belle fessure granitiche, dall’uscita ideale proseguire sulla Via Bianciotto

Equipaggiamento: normale da arrampicata, la via è ben attrezzata ma una serie di friends fino al blu grande B.D. tolgono ogni patema. La via è ideale per imparare l’ utilizzo delle protezioni veloci

Accesso: da Pinerolo imboccare la Val Lemina, oltrepassare San Pietro, oltrepassare Talucco, giunti ad un ponte seguire la ripida strada a tornanti che sale a sinistra in direzione Col di Cro, oltrepassato un parcheggio sterrato prendere a destra  per Borgata Dairin ove si parcheggia

 Avvicinamento: dal parcheggio oltrepassare la borgata e proseguire su bel sentiero a mezzacosta che porta in breve al Colle Ciardonet. Prendere la sterrata che scende a sinistra nella bellissima faggeta, fino a raggiungere un sentiero che lascia la strada e va a destra oltrepassando un piccolo rio. Seguire sempre il sentiero che pianeggiante porta a Casa Canada (Rifugio Melano), ore 0,30. Dal rifugio prendere il sentiero per la via normale, giunti alla base della parete si va un po’ verso destra e si giunge alla base di un diedro, cartellino alla base, ore 0,15 da Casa Canada.

Patri sul primo tiro

Relazione

L1: si parte in un diedro con roccia lisciata dal passaggio, V, poi una lama, V+, e traverso a destra, V, ignorare una sosta e tornare a sinistra, V, fino alla sosta su 2 fix e catena, 25 m

L2: salire la placca abbattuta un po’ verso sinistra, IV, sosta su 2 fix e catena, 20 m

L3: salire il diedro con blocchi e fessure, V, sosta su 2 fix e catena, 30 m

L4: salire il diedro con un passaggio singolo di incastro, V, sosta su 2 fix e catena, 15 m

L5: affrontare la bellissima fessura in dulfer e incastro, V+, sosta su catena, 15 m

Da questo punto per giungere in cima alla struttura rocciosa si può proseguire lungo la Via Normale, la Via Bianciotto o la Via Mont Blanc. Di seguito si descrive la prosecuzione per la Via Normale.

Spostarsi lungo le catene circa 15 m verso sinistra.

L6 (Via Normale): salire per placca fino ad un’aggettante fessura-camino diagonale che si sale strisciando all’interno (Passo del Gatto), IV, sosta su fix, 30 m

L7 (Via Normale): proseguire con facile arrampicata, III, fino alla cima della struttura, sosta su fix, 25 m

Discesa: scendere un po’ sulla destra (faccia a valle), terreno esposto, fino a tornare alle catene che per cenge e terreno esposto portano al sentiero che in breve porta alla base della via normale e successivamente a Casa Canada, ore 0,30.

Gae sulla dulfer

Rocca Sbarua - I settori

LINK INTERNI

– Vedi anche Rocca Sbarua – Via Normale (in lavorazione)
– Vedi anche Rocca Sbarua – Via Bianciotto
– Vedi anche Rocca Sbarua – Via Mont Blanc (in lavorazione)

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy