Dente della Vecchia – Via Taiana-Grava

Dente della Vecchia - Via Taiana-Grava

Il Dente della Vecchia è un originale campanile alto circa 70 metri, che si trova sul selvaggio e dirupato versante sud della Valle della Vecchia. La Via Taiana-Grava è breve ma su roccia bellissima, un itinerario dal sapore di altri tempi. Arrampicata mista libera e artificiale in ambiente solitario. Sulla cima è posto un libro di vetta, un invito ai frequentatori a lasciare un pensiero ed una traccia del loro passaggio

Zona: Dente della Vecchia, Valle Cervo

Quota di partenza (m s.l.m.): 1035 m da Piedicavallo, 1800 m la partenza della via

Quota di vetta (m s.l.m.): 1880 m la cima del Dente della Vecchia

Apritori: prima salita Bruno Taiana e Piero Grava nell’estate del 1964, prima solitaria Gianni Lanza nel giugno del 1976

Sviluppo arrampicata: 80 m

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: sud

Protezioni: chiodi tradizionali, qualche fix salvavita, soste a fix

Difficoltà: 6a A1, V+ A1 obbl.

Note: la via sale con tiri molto brevi, cercando i passaggi più logici. La via è stata richiodata con fix inox da Gianni Lanza e Dafne Munaretto il 2 giugno 2020, posizionando i fix nei pressi di dove erano i chiodi originali, alcune dei quali sono stati lasciati in loco a testimonianza di un’epoca passata.

Equipaggiamento: normale da arrampicata, i tiri non superano i 30 m

Accesso: da Biella raggiungere Piedicavallo

Avvicinamento: da Piedicavallo salire la bellissima mulattiera (segnavia E50) per il Lago della Vecchia. Dopo circa un’ora di cammino, giunti poco prima di una lapide commemorativa dedicata a Boffa Ballaran, abbandonare la mulattiera  verso destra, in corrispondenza di una scritta a terra che indica “Dente” ed un’altra a lato che indica “Sperone Eric”: qui salire circa 30 metri (presenti bandelle) puntando ad un abete vicino ad una roccia liscia su cui è segnata una freccia rossa. La roccia si trova in corrispondenza di un gruppo di betulle (siamo a soli 40 m circa dal sentiero principale). Senza esitazione attraversare a destra come indica la freccia, in corrispondenza di un piccolo larice piegato da una slavina (con bandella) ed ometti che indicano il passaggio: qui si troverà una corda fissa che si segue in discesa 15 metri su prato ripido per immettersi nel canalone. Salire il canalone seguendo i numerosi ometti, fino a ritrovare un ometto più grande con la scritta “Dente”, posto circa 15 metri più in basso della scritta “Sperone Eric”: qui puntare a destra verso la struttura rocciosa (presenti bandelle ed ometti) e con lungo traverso ascendente raggiungere nuovamente un canale erboso, con un albero. Qui si consiglia di legarsi e con un tiro di circa 30 metri su erba scivolosa e roccette (presenti 2 fix e corda fissa) si raggiunge una cengia che conduce verso destra alla partenza della via. Ore 2,15. Attenzione, dopo aver lasciato il Sentiero della Vecchia ci si trova su terreno ripido e malagevole che richiede piede sicuro e calzature da montagna (no scarpe da runner).

A circa 40 m dal sentiero è visibile il larice piegato e l'ometto che indica il passaggio di discesa per il canale

Relazione

L1: salire il diedro iniziale, IV, quindi uscire a destra su terrazzo comodo, IV, sosta su 3 fix, 15 m

L2: salire una bella placca, IV, quindi spostarsi a destra per raggiungere la base di un bellissimo diedro, IV, sosta su 2 fix, 15 m

L3: salire il bellissimo diedro, 6a o A1, quindi uscire verso sinistra, 6a o A1, sosta su 2 fix inox e 2 vecchi fix con catena alla base di un piccolo tetto, 15 m

L4: salire la breve placca, IV+, superare il tetto, 6a o A1, ed uscire a destra scavalcando lo spigolo, V+, traversare la placca verso destra, V-, sosta su 2 fix, 15 m

L5: salire il primo muretto, V, quindi seguire una fessura, IV+, superare uno spigolo, IV+, e raggiungere la sosta in un terrazzino con rododendri, sosta su 2 fix inox e 2 vecchi fix con catena, 15 m

L6: per rocce facili verso sinistra, III, raggiungere la cima, sosta su 1 fix, 10 m

Poco sotto la sosta in una fessura è posto il libro di vetta

Discesa: scendere brevemente fino alla sosta di L5, da qui due calate da 30 metri sulla via.

Il Dente della Vecchia in un disegno di Patty Agnani

Foto-relazione

Il libro di vetta del Dente della Vecchia

Curiosità

Dente della Vecchia, Prima Solitaria

Era il 1976, con un mio compagno di scuola avevo raggiunto la base del Dente. Volevo salire quella parete da solo. Paolo mi aveva accompagnato ed avrebbe atteso il mio ritorno. A quei tempi era tutto un po’ empirico, basato sul coraggio e un po’ sull’incoscienza.

Salgo il primo tiro slegato, giunto alla base del diedro mi autoassicuro alla corda, con una tecnica improvvisata. Passato questo tratto butto la corda di sotto e proseguo in arrampicata slegato, supero il tettino ed il seguente temuto traverso, per quanto ne so il peggio dovrebbe esser passato. In bilico sulle punte degli scarponi, su uno spigolo molto esposto realizzo di essere in trappola. Senza corda, senza niente altro che le mie mani e la mia testa devo uscire da questa angosciante situazione. Non posso sbagliare. Mille volte sui massi ho provato passaggi ben più difficili, tuttavia qui ho paura e non mi decido. Per la prima volta nella mia vita devo ricorrere al coraggio, muovermi con cautela, dominare il panico che è in agguato. Pochi passi, poi le difficoltà diminuiscono ed in breve raggiungo la cima.

Gianni Lanza

Gianni sul tiro del diedro, anni '70. Dente della Vecchia

Per una merenda a qualsiasi ora o un pranzo gustoso visita la Trattoria Il Gatto Azzurro di Piedicavallo

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy