Mars – Cresta Carisey

Mars – Cresta Carisey

I Carisey, grande classica delle Alpi Biellesi, presentano un’arrampicata esposta, su cresta di ottima roccia.

Storia: non si hanno notizie sulla prima salita della cresta, ma sicuramente era già frequentata all’inizio del 1900.

Accesso: dalla stazione superiore funivie Oropa seguire il sentiero per il Rifugio Coda. Oltrepassata la bocchetta del Mucrone si scende in Valle Elvo quindi, con lungo mezzacosta e alcuni tratti ripidi attrezzati con corde fisse, si giunge al “masa pouvr’om”, una ripida riva che ci porta in prossimità del colle Sella, che si raggiunge verso destra: ore 2. Se si pernotta al Rifugio Coda si può raggiungere il colle in 10 minuti.

Informazioni pratiche: l’attacco si trova pochi metri a destra del colle. Sulla via sono presenti alcuni fix inox per assicurazione. Lo sviluppo è di circa 450 m. Si consiglia di legarsi sui 20 m e fare tiri corti.

Difficoltà obbligatoria:

Relazione: Salire la cresta per circa 80 m, 2°, un passo di 3°, giungendo su un dente che si scende dall’opposto versante per un camino, 3° (possibile calata). Seguire la cresta fino ad una fessura ascendente a sinistra che si sale in dülfer, 3°, quindi, per facili placche, giungere alla punta Amici. Scendere un facile gradino e seguire un tratto di sentiero. Qui la cresta torna ad essere affilata ed esposta; continuare con alcuni saliscendi, 2° e 3°, fino ad un punto di sosta che si affaccia su di un salto verticale che si scende, 3°, passo dell’inginocchiatoio. Rimanere ancora in prossimità della cresta che diventa erbosa e porta alla base di un salto che si sale, con passaggi di 3°, giungendo ad una piattaforma alla base del caratteristico dado di pietra. Salire il salto al centro, 4a, giungendo alla cima di un gendarme ove è posta una Madonna di gesso. A sinistra variante della fessura, 5a, a destra variante pas dal bargè, 4c. Seguire sempre la cresta sul filo: superato il passo della schiena d’asino, 2°, si raggiunge un colletto dove si incontrano le corde fisse del sentiero che sale dal Rifugio Coda. Seguire il sentiero attrezzato con corde fisse che, in circa 1 ora, porta alla cima del Mars.

Discesa A: dalla cima del Mars seguire il sentiero in direzione est, D23 che, in 2 ore, porta al Lago del Mucrone.

Discesa B: dalla cima del dado calarsi con una doppia, di circa 12 m, e scendere un canale franoso che porta al sentiero per il rifugio Coda: ore 1.

Attenzione al canale: pericolo di scariche di sassi!!!

Discesa C: dalla cima del dado doppia di 12 m poi tre doppie da 30 m lungo la via sul versante valdostano; soste attrezzate con catene. Questa soluzione è certamente più sicura del canale franoso!

Discesa D: dal colletto delle corde fisse scendere sul versante Valdostano e seguire il sentiero per il Rifugio Coda, ore 1.

Equipaggiamento:  normale da arrampicata.

Per questo itinerario puoi far campo base al Rifugio Savoia

LINK INTERNI
– Vedi anche Mars – Via Innominata

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial