Tovo – Ferrata Nito Staich

Ferrata Nito Staich, dedicata al fortissimo Nito Staich

La Ferrata Nito Staich è stata realizzata dalla Provincia di Biella su un idea della guida alpina Gianni Lanza con la scuola di alpinismo Tike Saab. Il progetto è stato realizzato dal geometra Sebastiano Biolcati, il materiale e gli infissi sono stati forniti dalle ditte Raumer di Schio (Vicenza) e Tecnomeccanica Biellese di Camburzano (Biella).

Sulle pendici del monte Tovo, aerea e in alcuni tratti strapiombante, offre un fantastico itinerario. Il tracciato è stato studiato al fine di avere il minor impatto ambientale possibile, infatti la via ferrata dal basso è praticamente invisibile.

Sul bellissimo pont de singes al pilone vecchio

Altitudine: 1400

Difficoltà: ferrata difficile, che richiede conoscenza delle basilari tecniche alpinistiche e buon allenamento fisico.

Dislivello: circa 160 metri

Sviluppo: circa 300 metri

Materiale: casco, doppia longe, dissipatore, imbragatura. E’ vietato percorrere la via con cattivo tempo o temporali. E’ vietato percorrere la via in discesa. Ordinanza comunale Comune di Biella.

Accesso: dal parcheggio del Delubro ad Oropa salire la mulattiera della Pissa (percorso [1] sulla foto-mappa) fino ad oltrepassare una cappelletta: poco dopo, sulla destra, percorrere una disagevole traccia su pietraia e raggiungere la partenza della via ferrata. Ore 0,40.

Discesa: di qui si può proseguire per la cima del Monte Tovo per sentiero, oppure discendere sul retro per sentiero ripido e scosceso per ritornare sul sentiero della Pissa.

Relazione

1° salto (salto del pilone): placche e traversi fino al pilone vecchio della funivia che si sale, poi per pont des singes si raggiunge la parete fino ad un tratto su erba.

2° salto (parete Rossa): salire la faticosa parete verticale, seguire il cavo con un aggiramento e raggiungere la spalla a metà via. Da qui è possibile una via di fuga, che ridiscende per prati ripidi a sinistra (faccia a monte), quindi scendendo reperisce un sentiero sulla destra (faccia a valle).

3° salto (tor Four): è il tratto più difficile, per muri e placche fino al 2° pont des singes.

4° salto (parete terminale): un tratto facile poi un breve strapiombo e finalmente la cima. Ore 1,30.

Foto-relazione

Foto-mappa

Per uno spuntino o una birretta dopo la ferrata visita il Bar Funivie Oropa

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial