Pilastro dello Skurz – Via dla Sciueta

Via dla Sciueta

Il Pilastro dello Scurz è l’ultimo gioiello scoperto nella selvaggia Valle Elvo. Un’enorme placca, alta più di 200 m, di roccia compattissima e lavorata. Le vie sono state aperte grazie al lungimirante contributo dei comuni di Muzzano e Sordevolo.

Storia: prima salita Gianni Lanza, Franco Delzoppo, Roby Sellone, Seba Biolcati nell’estate 2005.

Accesso: lo Skurz si raggiunge da Oropa seguendo, per circa 3 Km, la strada del tracciolino. 300 m prima del ponte sull’Elvo parcheggiare e prendere la mulattiera che sale lungo la valle Elvo al Rifugio Coda. Passato il Punt Cabrin, poco oltre le baite delle Piane, si segue un sentiero che attraversa l’Elvo e punta verso destra: scritte rosse, su una grande roccia in terra, indicano il percorso. Salire, quindi, il sentiero fino ad un masso con altre indicazioni; da qui, con disagevole mezza costa a destra, si raggiunge lo Skurz in ore 1,30.

Informazioni pratiche: è la più a sinistra della parete. Parte da una cengia e sale la placca sotto la verticale di un tetto; impegnativa nel primo tiro che, a volte, può essere bagnato. Sviluppo circa 160 m, completamente attrezzata a fix inox.

Difficoltà: 5c

L1: 5c, 30 m
L2: 4a, 30 m
L3: 4a, 30 m
L4: 4a, 30 m
L5: 4a, 30 m
L6: 3°, 30 m

Discesa: in doppia sulla via.

Equipaggiamento: normale da arrampicata, i tiri non sono più lunghi di 30 m.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial