Paklenica – Anica Kuk (Stup) – Via Abseil Pista

Paklenica - Anica Kuk (Stup) - Via Abseil Pista

L’Anica Kuk è la montagna più importante del Parco Nazionale di Paklenica, con una enorme imponente parete rocciosa che degrada nel suo lato sud e termina in questo punto con un caratteristico pilastro roccioso detto Stup.

In questo settore sono presenti diverse vie brevi che giungono alla cima dello sperone, da cui è possibile calarsi oppure proseguire verso la parete dell’Anica Kuk centrale per giungere alla cima.

La via Abseil Pista (che vuol dire “via di discesa”) è utilizzata infatti per le calate dalle vie del versante sud, ma può essere un itinerario breve e non difficile per abituarsi alle rocce di questa zona oppure per essere concatenato ad altre vie della parete.

Il primo tiro di Abseil Pista

Zona: Croazia, Parco Nazionale di Paklenica, Anica Kuk

Quota di partenza (m s.l.m.): 250 m al parcheggio, 400 m all’attacco della via

Quota di vetta (m s.l.m.): 450 m la fine della via, 715 m la vetta dell’Anica Kuk

Apritori: ignoti, veniva utilizzata come discesa dallo Stup

Sviluppo arrampicata: 70 m

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: sud-ovest

Protezioni: fix inox

Difficoltà: V-, IV obbl.

Note: la via rimane in ombra fino al primo pomeriggio, nei mesi estivi è assolutamente consigliabile non farsi sorprendere dal sole in parete, partire presto! Piacevole arrampicata

Equipaggiamento: normale da arrampicata, friends fino al rosso BD utili per integrare le protezioni

Accesso: da Starigrad (Ortopula) dirigersi lungo la strada principale verso Zara (Zadar), quindi prima dell’abitato di Seline svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per il Parco Nazionale di Paklenica. Proseguire fino alla sbarra con parcheggio. Per entrare nel parco è necessario pagare un biglietto (per info e costi clicca qui). Proseguire ancora con l’auto fino alla fine della strada, dove si trovano i parcheggi

Avvicinamento: imboccare la larga mulattiera che sale lungo il canyon costeggiando a destra e a sinistra numerosi monotiri. Superare i successivi guadi lungo la mulattiera: ad un certo punto si incontra un cartello con indicazioni per Anica Kuk. Dopo qualche metro si prende a destra (indicazioni per Stup), quindi si segue la traccia che conduce all’evidente pilastro. Superare la parte bassa dello sperone e salire ancora per tracce, dopo un breve tratto di roccette, II grado, raggiungere la base di un canale, cartellino alla partenza. Ore 0,35.

Gianni su L2

Relazione

L1: attaccare un muro con appigli levigati, V-, quindi proseguire per fessure leggermente a sinistra, IV+, oltrepassare un albero e raggiungere la sosta Raumer da calata, 35 m

L2: salire lungo il diedro camino direttamente, III con qualche passo di IV, fino a raggiungere la sosta Raumer da calata, 35 m

Discesa: dalla cima del pilastro è possibile salire per altre combinazioni di vie verso la cima dell’Anica Kuk. In alternativa la discesa avviene in corda doppia lungo la via. Da qui, per tracce procedere costeggiando il pilastro, superare in disarrampicata un breve salto roccioso (II grado) quindi per sentiero su ghiaione si ritorna alla alla base dello Stup da cui si rientra per sentiero di salita. Ore 0,40.

Foto-relazione

LINK INTERNI

– Vedi anche Anica Kuk – Via Karabore

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial