Mucrone Sud – Via Ai-Brix

Mucrone Sud – Via Ai-Brix

La via più lunga della Alpi Biellesi che concatena vari salti del versante sud ovest del Mucrone. Roccia ottima.

Storia:prima salita Roberto Munarin, Piero Frassati 2008. La via è stata dedicata a Fabrizio Marciandi, prematuramente scomparso.

Accesso: costeggiare l’ingresso principale del Santuario e proseguire diritto su strada asfaltata. Superato il cimitero monumentale proseguire per alcuni km sino ad un grosso ripetitore quadro posto sopra la strada (dx). Lasciare la vettura e prendere il sentiero DA17 oppure la strada asfaltata che sale lungo i prati sino ad incontrare a sx una strada sterrata delimitata da una vecchia barra in ferro, ove si parcheggia. Proseguire sulla strada sino ad incontrare la baita Sette Fontane, costruzione caratterizzata da due grosse prue paravalanghe: ore 1,5, 1540 m. Proseguire sull’evidente sentiero (CA05) che sale dietro la baita. Superato un profondo canale si giunge sullo sperone erboso. Lasciare il sentiero e salire il pendio (ometti) che dopo alcuni tornanti porta all’attacco della via: 1680 m ore 2.    

Via Ai-Brix: attacca, a circa 1860 m, nel punto più basso di uno sperone del lato sinistro del versante sud ovest del Mucrone. La via è attrezzata a fix, i tiri non superano i 30 m ed ha uno sviluppo di circa 800 m.

Difficoltà obbligatoria: 5b

 

Relazione

L1: placca con tacche nette, 3°, 4a, poi muretto verticale, 4c

L2: placca appoggiata poi speroncino sino alla sosta, 3°

L3: gradoni poi bellissima placca con ottime tacche, 4b, spostamento verso il 2° salto; via di fuga lungo il canale a sinistra

L4: tacche nette e muretto finale, 5a

L5: breve tratto di roccia discreta, poi spigolo aereo, 4c

L6: facile spostamento sino al 3° salto con passaggi di 2°

L7: risalti di roccia compatta, prestare attenzione alla lama staccata, 4a

L8: muretto con ottime tacche con risalto finale, 4a

L9: partenza non banale poi muretto fessurato faticoso, 5b

L10: primi metri delicati poi facili roccette ci portano sino alla sosta, 4c

L11: partenza con ottime tacche poi facili gradoni sino alla sosta, 4a

L12: tiro chiave con un passo faticoso, 5c/A0

L13: partenza esposta poi facili roccette, 4a

L14: facili placche appoggiate sino alla sosta, 2°

L15-L16: spostamento con facili passaggi

L17: placca, 3°

L18: facili gradoni, 2°

L19: crestina, evitabile su tracce di sentiero, 2°

L20: sperone poi placca, 5a

L21: placca con ottime tacche, diedrino fessurato poi muretto, 5a

L22: facili roccette fino al sentiero delle Traversagne

Uscita sulle Traversagne, via di fuga a destra che, in 20 minuti, porta al colle del Limbo. 

L23: 1° tiro della vecchia via sud ovest del Mucrone, facili gradoni, 2°

L24: muretto verticale con buone maniglie, 4c

L25: partenza delicata poi facili passaggi, 3°

L26: facile progressione sulla crestina, 3°

L27: facili passaggi mai obbligatori, 2°

L28: cresta a tratti aerea ed esposta, 3°

L29: alcuni divertenti e facili gradoni, 3°


L30-L31: 
facili passaggi portano sulla spalla sud ovest

Da qui per facile crestina/sentiero si sale sino alla croce del Mucrone.

Discesa: dalla croce del Mucrone scendere il sentiero attrezzato del Limbo. Giunti al colle del Limbo andare verso la cima della Muanda e reperire il sentiero che, verso destra, riporta all’Alpe Sette Fontane: ore 1,30.

Equipaggiamento: normale da arrampicata, 10 rinvii, 1 mezza corda da 60 m usata doppia. I tiri non superano i 30 m.

 

Per questo itinerario puoi far campo base al Rifugio Savoia

LINK INTERNI
– Vedi anche Mucrone – Via del Canalino

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial