Un Grillo mi disse
Tra le vie del Monte Cucco
Venerdì 18 agosto, solita canicola. Accompagno degli amici arrampicatori a Monte Cucco. Voglio “presentare” alcune mie vie del passato. Si scatenano sui primi tiri della Via di Lì e , un po’ meno, sul Muro di Berlino. Mentre sto osservando le esibizioni, in alto a sinistra, sento un rumore di trapano. Penso sia Fornaro, gestore del nuovo campeggio. Mi metto ad urlare :” Gerri, Gerriiii…”. Nessuno mi risponde. Volevo capire cosa stesse combinando. Alla sera vedo su Fb una fotografia, con tracciato un itinerario , che partendo dal lato destro delle vie della placche, per un nuovo percorso , arriva all’inizio del traverso di Grillomania e supera il tetto del Cucco a destra, firmato… Gianni Lanza. Oramai sono un po’ come quei vecchietti ai quali qualcuno ha rotto l’affezionata pipa. Mi innervosisco subito; penso…mi avrà mica spittato quell’areo traverso, frutto della mia mente bacata? Scrivo a Gianni, esternando la mia preoccupazione e lui da professionista e signore com’è, mi dice: “ Sai, a me il traverso piace da matti, ho aggiunto un paio di spit accanto a dei chiodi che mi sembravano un pochino vecchi (sono del 1981 azzz, decisamente maggiorenni), poi ho superato il tetto a destra. Se la cosa ti infastidisce, appena vengo a Finale, li tolgo”. Mi sono sentito un verme. Gianni è un Amico, Guida Alpina, con un curriculum di vie da fare invidia a chiunque, quindi sa benissimo ciò che fa. Gli scrivo : “ Tranquillo Gianni, se hai rivisto le cose e messo in sicurezza il tutto, mi fa proprio piacere. Avvisami quando vieni da queste parti, facciamo qualche cosa , ma di facile, assieme”. Domenica 20 agosto, Gianni mi scrive:” Domani mattina sono a Feglino, andiamo a ripetere la via?”. Il lunedì ho un impegno, ma il martedì sono libero :” Ok, Gianni, martedì mattina, 8.30, al campeggio di Cucco, va bene?”. “ Ok, perfetto”. Quindi, questa mattina arrivo lì, e ci avviamo alla base della via delle placche, tutti e due vestiti come dovessimo andare al mare. Imbragati, incordati come veri e seri alpinisti, Gianni parte su di una placca bella liscia, a sin una scritta, johnny, e destra, un po’ alto, uno spit. Sale con la consueta maestria ed arriva ad una sosta in alto, proprio sullo spigolo. E’ il mio turno, mi bisticcio con il passaggio iniziale che prendo troppo a sinistra, e poi tutto si fa più facile, gradevolissimo. Riparte da una placca, proprio vicino a Banana Spit, antica via. Arrampicata “cucchiana”, roccia bellissima, sui piedi, ma le mani non sai proprio dove metterle. Quando è il mio turno, baro un po’, ed arrivo su, proprio all’inizio del “mio” amato traverso. Alla vista il cuore mi batte forte, forte….mi vengono in mente tante, tante cose, tanti amici…racconto qualche aneddoto a Gianni, che magari gli avrò già raccontato mille volte, lui, bonaccione, sopporta e sorride. “ Dai Gianni, vado io”….quel vuoto mi inebria, mi racconta un mare di cose, sarà vent’anni che non tocco più quelle prese. Parto contratto, baro un poco, poi via via mi sciolgo, le protezioni sono belle e giuste, vorrei che quella “mania” non finisse più. Mi sistemo alla sosta felice come un bambino. Gianni rapidamente mi raggiunge e prosegue. Arriviamo in cima a Cucco, lo sguardo spazia sino al mare sorvolando l’altipiano, a destra il vuoto della parte e giù il paesino di Feglino. Mille volte avrò visto questo spettacolo, ma oggi mi sento particolarmente felice. Una vigorosa stretta di mano, un selfie, oramai è così, stacco le corde dal mio vecchio chiodo ad anello, che è sempre lì, nei secoli fedele e con due doppie ritorniamo agli zaini. Che dire…una splendida mattinata! Grazie Gianni per avermi dato l’occasione di ripetere quel traverso, che sicuramente non avrei mai più ripetuto. Ora si fanno solo monotiri, dritti, verticali, strapiombanti e per me non è più tempo!

 Alessandro Grillo

Scoprire qualcosa di nuovo a Monte Cucco non è facile, tuttavia, pur passando vicino ad altre vecchie vie e pur uscendo in comune con una di queste (Banana Split), è stato possibile tracciare salendo dal basso una breve ma elegante linea, con protezioni miste, fix, qualche friends, alberi e clessidre. Luis, Miguel, Luc a cui si aggiunge la Johnny, tre tirelli, roccia ottima. La seconda sosta è proprio alla partenza della mitica Grillomania, troppo bella per resistere, ho messo 4 fix anche lì, sapevo di violare qualcosa, prima di bucare ho fatto il traverso avanti e indietro due volte, poi ho deciso. Un paio di giorni dopo son tornato con il Signor Grillo in persona, che con massima tranquillità, giunto al traverso mi ha solo detto "vado io", ha approvato il mio intervento, a volte si può mettere da parte l' orgoglio per dare la possibilità di ripetere una via bellissima a molti che magari non apprezzeranno nemmeno. Ringrazio Alessandro per il suo spirito da gentleman e per la bellissima mattinata trascorsa insieme.

gianni lanza

Monte Cucco, Vie Johnny e Grillomania
http://www.montagnabiellese.com/ita/AlpinismofuoridalleAlpiBiellesi/attivita_8_1048/k1007.html




18-09-2017
Mucrone Days
La festa della nostra montagna
27-08-2017
Un Grillo mi disse
Tra le vie del Monte Cucco
12-08-2017
Gnù Entry
La migrazione
24-07-2017
Team Building
Alla Balma per... costruire il gruppo!
09-07-2017
La Rivoluzione
Il racconto di Marco sulla grande classica del Caporal
27-06-2017
Via dei Bignolas
Nuova possibilità all' Argimonia
23-06-2017
Il territorio in cui viviamo è “fatto” di montagne
Progetto territorio
31-05-2017
La nostra rivoluzione
Sul Caporal, 25 anni dopo
28-04-2017
Arrampicata serale
Arrampicata libera e artificiale, due aspetti da approfondire
18-04-2017
Il passo della formica
Catarifrangente, obbiettivo centrato



MontagnaBiellese.com di Gianni Lanza, via Bercola n 4, 13900 Biella - Italia - P.I. 02316990023
Copyright Montagna Biellese
,   tel 330 466488, info@montagnabiellese.com