Corna di Medale – Via Cassin

Corna di Medale - Via Cassin

L’alpinismo è nato nel 1492; Riccardo Cassin quasi cinque secoli dopo. […] Sono passati quattrocentodiciassette anni; siamo nel 1909, agli albori dell’alpinismo moderno; il 2 gennaio nasce uno di coloro che lo porteranno verso le vette della perfezione. A Savorgnano, minuscola frazione del Friuli, viene battezzato un robusto neonato: si chiamerà Riccardo.

Così esordisce Georges Livanos nel suo libro Cassin, C’era una volta il sesto grado, Dall’Oglio, Varese, 1984. Un tributo al grandissimo alpinista dei Ragni di Lecco, che alla sua epoca risolse brillantemente alcune pareti ritenute le più difficili al mondo.

Per approfondire visita il sito di Angelo Elli alla pagina dedicata a Riccardo Cassin.

Sulla copertina del libro di Georges Livanos, Cassin, C'era una volta il sesto grado, Dall'Oglio, Varese, 1984. Ottantadue ore dopo essere partiti dal Rifugio Leshaux, i componenti della cordata Cassin, Esposito, Tizzoni, rientrano dalla prima salita della Parete Nord delle Grandes Jorasses, sullo Sperone Walker nel 1938.

Roccia lisciata, un po’ d’erba, un po’ di terra, ma grande ambiente per questa importante via aperta il 12 agosto 1931 dai fortissimi Riccardo Cassin e Mario Dell’Oro (detto Boga). Una prima salita assai travagliata che ha reso necessari ben tre tentativi ed un bivacco in parete. Ora la via è una classica con qualche passaggio forse un po’ impegnativo per via degli appigli ormai levigati, ma non è la difficoltà a rendere unico questo percorso, bensì l’intelligenza del tracciato e la bellezza e severità della grande parete in cui si svolge.

Zona: Lecco, Laorca, Medale

Sviluppo arrampicata: 400 m 

Quota: 650

Storia: prima salita Riccardo Cassin e Mario Dell’Oro il 12 agosto 1931

Tipo di Apertura: dal basso con chiodi tradizionali

Esposizione: sud-est

Protezioni: fix inox, resinati e chiodi tradizionali 

Difficoltà: VI-, V+ obbl.

Note: attenzione in inverno che anche con la parete completamente asciutta lungo la discesa è possibile l’insidiosa presenza di neve gelata e ghiaccio

Equipaggiamento: normale da arrampicata, friends medi e piccoli

Accesso: a Lecco uscire dalla super strada per Ospedale Manzoni, seguire per la Valsassina, oltrepassato il Paese di Laorca, nei pressi di un tornante imboccare una strada a sinistra che finisce in un piazzale dove si parcheggia.

Avvicinamento: seguire le indicazioni per Ferrata Alpini della Medale, scendere un viottolo, giunti ad una piazzetta risalire a destra, oltrepassare il cimitero, proseguire su mulattiera cementata, poi un tratto di sentiero ed una scala portano ad una strada, ad un bivio stare a destra, giunti oltre le reti paramassi seguire a sinistra su sentiero e costeggiare la Parete del Medale fino ad un masso con la scritta “Cassin”. Da qui salire verso la parete; ad un bivio si può prendere indifferentemente a destra o a sinistra, arrampicando per circa 20 m con difficoltà di II grado si raggiunge un terrazzino con resinato con catena, punto di partenza della via. Ore 0,30.

Relazione

L1: salire per placche verso destra, superare uno sperone e riportarsi a sinistra, III, sosta su fittoni resinati con catena, 35 m

L2: salire una fessura verso sinistra e proseguire sempre verso sinistra, IV, sosta su fittoni resinati con catena, 30 m

L3: primo diedro Cassin partire con un passo molto unto VI-, poi V fino ad un terrazzo dove si sosta, sosta su fittoni resinati con catena, 35 m

L4: salire verso due chiodi collegati con una catena V, poi fessura V, proseguire un po’ a sinistra IV, sosta su fittoni resinati con catena, 40 m

L5: secondo diedro Cassin, salire verso sinistra VI-, proseguire in un diedro verticale V+ e V, sosta su fittoni resinati con catena, 35 m

L6: salire un po’ a sinistra e superare un leggero bombamento V+, fino ad un fittone resinato, spostarsi a destra VI-, poi traversare a destra circa 4 m V, salire direttamente V e V+, sosta su comoda cengia (bivacco Cassin), sosta su fittoni resinati con catena, 35 m

L7: salire in un diedro con blocchi IV, traversare a sinistra su lame III, salire verticalmente IV, sosta su fittoni resinati con catena, 45 m

L8: fessura verticale IV+, poi tratto più facile verso destra IV e III, sosta su fittoni resinati con catena vicino ad una grotta con Madonnina, 20 m

L9: il traverso, attraversare a sinistra su roccia levigata V+, proseguire in un diedro V, spostarsi un po’ verso destra fino a raggiungere la sosta V, sosta su fittoni resinati con catena, 40 m

L10: salire in placca verso sinistra IV, e proseguire su blocchi e fessure IV, sosta in prossimità di un grande blocco staccato sas maor, sosta su fittoni resinati con catena, 40 m

L11: aggirare un muretto a sinistra e salire un diedro IV+, sosta su fittoni resinati con catena, 25 m

L12: seguire il canale erboso con salti di roccia andando verso destra fino alla forcella. Sosta su cavo di acciaio, 30 m.

Discesa: dall’uscita seguire il sentiero nel versante nord con un lungo traverso su terreno ripido e in parte attrezzato con catene. Successivamente seguire il sentiero che scende a destra nel vallone verso nord, su terreno ripido, con tratti attrezzati con catene. Si raggiunge il sentiero percorso nell’avvicinamento nei pressi delle reti paramassi, ore 0,45.

Foto-relazione

LINK INTERNI
– Vedi anche Corna di Medale – Via Bonatti

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial