Argimonia – Via della Fruvaia

Argimonia – Via della Fruvaia

La via, attrezzata per uso scuola, sale alcune placche tra i ripidi prati del versante sud. Il nome deriva dalla fragilità della roccia che, a volte, si “sfruvaia” (sgretola).

Storia: salita il 4 giugno 2007 da Gianni Lanza e Maura Ramella. Sicuramente sarà già stata salita in libera senza corda o altra attrezzatura.

Accesso: A. Da Biella risalire la Valle Cervo. A Valmosca deviare verso Bielmonte. Raggiunto il piazzale scendere verso Trivero e parcheggiare tra le due gallerie. B. Da Cossato salire a Trivero, proseguire per la panoramica Zegna e parcheggiare tra le due gallerie. Reperire il sentiero, segnato con bolli rossi ed ometti, non seguirlo ma portarsi a destra verso un palo della luce. Seguire una vecchia traccia, che porta ad una baita sopra la galleria; salire sopra la baita e seguire in diagonale a sinistra fino ad un modesto sperone in mezzo al prato: ore 0,15.

Informazioni pratiche: l’itinerario collega una serie di facili placche sul versante sud dell’Argimonia. L’idea era di attrezzare un itinerario molto facile, adatto per iniziare ad impratichirsi con le manovre di corda ed a tutti i comportamenti di sicurezza. Lo sperone ha uno sviluppo di circa 250 m e i tiri non superano i 30 m. Molte soste sono su un solo fix; la via è attrezzata con fix inox messi a disposizione da Oasi Zegna.

La via può essere globalmente valutata PD, 2° e 3°, con una placca di 4a.

Difficoltà obbligatoria: 4a

Discesa: per il sentiero della via normale in ore 0,45.

Per uno spuntino dopo l’arrampicata visita la Pasticceria Maniscalco e Rainero

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di montagnabiellese.com
Privacy Policy

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial